Ricerca per:
Foto di Mikael Blomkvist da Pexels

Quanto mi costa aprire un negozio di prodotti per celiaci?

Vorrei aprire un negozio gluten free in convenzione ASL. Ma quanto mi costa aprire un negozio di prodotti per celiaci?

L’apertura di un negozio per Celiaci e Intolleranze Alimentari convenzionato con l’ASL, come abbiamo già visto, ha bisogno di uno spazio opportuno e deve trovarsi in una posizione adeguata.

Come tutte le attività commerciali bisogna tener conto, in fase progettuale, di quale budget è necessario per iniziare senza errori.

Un calcolo sbagliato o superficiale, come ha evidenziato Fabio Ramaroli (presidente A.I.N.C.), nel breve periodo ha comportato il fallimento e la chiusura dei negozi mal consigliati o attratti da iniziative low budget.

Foto di Christina Morillo da Pexels

I punti vendita specializzati gluten free rappresentano un’eccezione rispetto ai negozi tradizionali, perché hanno a catalogo prodotti senza glutine specifici con onere a carico del SSN.

Di conseguenza, gli importi per la merce venduta ai clienti con i buoni celiachia non vengono incassati immediatamente, ma saranno pagati dalla ASL competente a 60 giorni (raramente a 30 giorni) dalla chiusura mensile.

Il budget di progetto, che stabilisce quali oneri debbano essere sostenuti per raggiungere gli obiettivi di apertura e mantenimento del negozio, si distingue in due voci principali:

  • Budget di partenza.
  • Budget di scorta.

Budget di partenza: sono tutte le spese inderogabili all’avvio dell’attività, cioè affitto dei locali, utenze, arredamento e software gestionale; bisogna anche prevedere il primo acquisto di prodotti.

Budget di scorta: dopo l’apertura, fino all’arrivo dei rimborsi ASL, è consigliato considerare le spese per l’acquisto di altri due ordini di rifornimento prodotti.

Fabio Ramaroli, presidente dell’Associazione Italiana Negozi Celiachia, grazie alla sua pluriennale esperienza, ha stimato il budget di progetto nella cifra di 100.000 €.

Foto di martaposemuckel da Pixabay

Prossimamente vedremo come il software GDI Celiac risulti lo strumento indispensabile per la completa gestione del tuo negozio senza glutine.

Se sei interessato ad aprire un negozio per celiaci e vuoi maggiori informazioni, contatta l’Associazione Italiana Negozi Celiachia.

Se vuoi maggiori informazioni riguardanti il software per il tuo negozio, contattaci senza impegno.

    Foto di Lorenzo da Pexels

    Aprire un negozio per celiaci: come faccio a scegliere dove?

    Aprire un negozio per celiaci convenzionato ASL: come faccio a scegliere la zona dove poter insediare la mia attività?

    Sono tante le domande che si deve porre chi è intenzionato ad aprire un punto vendita specializzato in prodotti senza glutine.

    L’apertura di un negozio per Celiaci e Intolleranze Alimentari convenzionato con l’ASL, come abbiamo già visto, necessita di uno spazio adeguato.

    Tessera sanitaria
    Tessera sanitaria

    Scegliere la zona giusta richiede opportune ricerche, preferibilmente di persona; bisogna verificare i competitor diretti e indiretti e, come vedremo prossimamente, è meglio effettuare alcune ricerche di mercato.

    È indispensabile prendere in considerazione luoghi densamente abitati o comunque città di provincia con almeno 15.000 abitanti.

    I punti vendita specializzati in prodotti senza glutine rappresentano un’eccezione rispetto ai negozi tradizionali, perché hanno a catalogo merce specifica con onere a carico del SSN.

    Uno dei fattori importanti per scegliere il luogo ideale è l’assenza di competitor diretti nelle vicinanze.

    Come giustamente ci suggerisce Fabio Ramaroli (presidente dell’Associazione Italiana Negozi Celiachia) la concorrenza si differenzia in:

    • Punti vendita specializzati (diretta).
    • Grande Distribuzione Organizzata (indiretta).
    • Farmacie (indiretta).

    I tre canali di vendita non sono in conflitto tra di loro, come evidenzia il presidente dell’ A.I.N.C.: nelle farmacie e nella GDO non vengono offerte grandi possibilità di scelta per tipologia e per alternative.

    In questo panorama, i negozi specializzati in prodotti senza glutine si differenziano per la vasta e variegata scelta di prodotti disponibili.

    In particolare è possibile reperire anche prodotti freschi e surgelati di qualità, confezionati da aziende non presenti negli altri canali.

    Foto di Free-Photos da Pixabay

    Di conseguenza, la concorrenza diretta a cui porre maggiore attenzione è la presenza o meno di altri punti vendita specializzati negli alimenti gluten free.

    Prossimamente vedremo come il software GDI Celiac risulti lo strumento indispensabile per la gestione del tuo negozio senza glutine.

    Se sei interessato ad aprire un negozio per celiaci e vuoi maggiori informazioni, contatta l’Associazione Italiana Negozi Celiachia.

    Se vuoi maggiori informazioni riguardanti il software per il tuo negozio, contattaci senza impegno.

    [contact-form-7 404 "Non trovato"]
    foto di Robin Higgins da Pixabay

    Aprire un negozio per celiaci: quanti metri quadri servono

    Aprire un negozio per celiaci convenzionato ASL: quanti metri quadri servono per avere uno spazio espositivo adeguato?

    Per merito di una maggiore precisione diagnostica, l’individuazione di persone affette da celiachia è in costante aumento.

    Aprire un’attività commerciale è il sogno di molti, e nel comparto alimentare si sta sviluppando un maggiore interesse verso gli alimenti “SENZA” (glutine, lattosio, …).

    Gluten free flour and cereals millet, quinoa, corn bread, brown buckwheat, rice with text gluten free

    Nello specifico, i punti vendita specializzati in prodotti senza glutine rappresentano una realtà a sé stante, in quanto, a catalogo, hanno prodotti specifici con onere a carico del SSN.

    Una delle domande che deve porsi chi vuole aprire un negozio GLUTEN FREE è:

    quanti metri quadri servono per avere uno spazio espositivo adeguato?

    Nella rete sono diverse le soluzioni offerte: si va da 45 fino a 120 mq; quindi va bene qualsiasi metratura?

    Ho rivolto la stessa domanda a Fabio Ramaroli, presidente A.I.N.C. (Associazione Italiana Negozi Celiachia), il quale, grazie alla sua esperienza, è stato molto esaustivo nella risposta.

    Per un esercente che ha intenzione di aprire questo tipo di attività, e che desidera soprattutto che duri nel tempo, è importante fin da subito offrire al potenziale cliente una vasta scelta di prodotti differenziandosi dai competitor.

    La metratura ideale per un punto vendita specializzato in prodotti senza glutine è di 100 mq: bisogna tener conto di poter esporre alla vendita un buon catalogo di prodotti.

    Per avere un negozio che possa offrire un servizio di buon livello bisogna considerare un’offerta tra i 700 e i 1.000 prodotti destinati alla vendita.

    Non bisogna sottovalutare la parte di merce surgelata, oltre ad una sezione di prodotti freschi.

    Se sei interessato ad aprire un negozio per celiaci e vuoi maggiori informazioni, contatta l’Associazione Italiana Negozi Celiachia.

    Se vuoi maggiori informazioni per il software per il tuo negozio, contattaci senza impegno.

      foto di Fotis Fotopoulos da Unsplash

      Il Codice Celiachia regione Toscana, il progetto Cel@RT

      Il Codice Celiachia regione Toscana, il progetto Cel@RT e i negozi specializzati nella vendita di prodotti senza glutine

      La Regione Toscana dal 1° giugno 2019 ha attivato il progetto di dematerializzazione del Buono cartaceo per la celiachia.

      Grazie a questo passaggio il buono cartaceo è sostituito dalla tessera sanitaria e da un codice celiachia che permette di acquistare i prodotti alimentari specifici per celiaci.

      Il Codice Celiachia rientra nel progetto regionale Cel@RT (vedi sistema Celiachia@RL), che prevede la dematerializzazione dei buoni cartacei e l’introduzione di una piattaforma informatizzata per la gestione di tutto il processo.

      I cittadini a cui è stata certificata la patologia del Morbo Celiaco, o Dermatite Erpetiforme, hanno diritto ad usufruire di un budget mensile per l’acquisto di prodotti alimentari specifici.

      L’importo, spendibile sul territorio regionale, consentirà l’erogazione di alimenti dietetici senza glutine (iscritti nel registro nazionale degli alimenti per celiaci) rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale.

      I negozi specializzati nella vendita di prodotti per celiaci, convenzionati con le ASL, per poter mantenere il contratto per l’erogazione dei prodotti specifici dispensati dal SSN, si sono adeguati alle nuove specifiche.

      Il software gestionale GDI Celiac è studiato, realizzato e continuamente aggiornato per soddisfare tutte le caratteristiche necessarie a questo metodo di transazione.

      Tutti i processi di cassa sono realizzati con le specifiche necessarie per la corretta rendicontazione alla ASL competente.

      foto di Photo Mix da Pixabay

      Vuoi aprire un negozio specializzato in prodotti senza glutine e gestire correttamente i buoni celiachia Regione Toscana?

      Contattaci senza impegno per avere una consulenza professionale.

        foto di Gerd Altmann da Pixabay

        La dematerializzazione dei buoni per i cittadini celiaci

        Negozi specializzati nella vendita di prodotti senza glutine e la dematerializzazione dei buoni per i cittadini celiaci

        Prosegue in Italia il processo di dematerializzazione dei buoni cartacei per i cittadini affetti da morbo celiaco.

        La dematerializzazione aiuta i celiaci e gli intolleranti al glutine, grazie alla spendibilità frazionata, nell’acquisto dei prodotti secondo le necessità alimentari comuni.

        L’obiettivo è l’adozione uniforme a livello nazionale dei buoni digitali, con la possibilità di erogazione circolare tra le diverse regioni.

        foto di Mohamed Hassan da Pixabay

        Attualmente sono presenti situazioni regionali molto diverse:

        La dematerializzazione è un passo importante per agevolare la pubblica amministrazione, i celiaci e i punti vendita.

        • Pubblica amministrazione: vengono ridotti i costi di gestione (stampa dei buoni e personale impegnato alla consegna).
        • Celiaci: niente code per ritirare i buoni, tempi ridotti nella fase di acquisto nei punti vendita (eliminazione delle fustelle da staccare dai prodotti per incollarli sui buoni cartacei).
        • Punti vendita: riduzione dei tempi e dei costi visto che tutto il processo di vendita è integrato nelle funzioni di cassa.
        Software GDI

        In particolare i negozi specializzati in prodotti gluten free possono contare sul software GDI Celiac per la completa gestione del punto vendita.

        Tutte le fasi di rendicontazione contabile per le ASL e per l’agenzia delle entrate diventano trasparenti e automatizzate.

        Per la gestione del tuo negozio utilizzi diversi software?

        Con GDI Celiac, tutti gli adempimenti sono condensati in un unico software gestionale per punti vendita specializzati in prodotti senza glutine.

        Se sei interessato a risparmiare tempo, semplificarti il lavoro e ridurre le spese, contattaci senza impegno per un consulto professionale.

        foto di Emirkhan Bal da Pexels

        Aprire un negozio specializzato in prodotti senza glutine

        Se vuoi avviare un’attività, aprire un negozio specializzato in prodotti senza glutine potrebbe essere la scelta giusta

        Se le tue passioni sono la salute, l’alimentazione e hai uno spirito imprenditoriale, aprire un negozio specializzato in prodotti senza glutine potrebbe essere un’operazione economica redditizia.

        Grazie ad una maggiore precisione diagnostica da parte del SSN, il numero di persone affette da celiachia o da intolleranza al glutine è in costante aumento.

        Sta anche crescendo il numero di persone con altri tipi di intolleranze e allergie alimentari.

        Per aprire un negozio per celiaci è fondamentale che tutte le persone coinvolte nell’attività abbiano conoscenze in fatto di nutrizione ed alimentazione.

        E’ fondamentale avere conoscenze approfondite della celiachia e delle altre allergie ed intolleranze alimentari.

        Per diventare un punto di riferimento per i clienti che hanno necessità alimentari particolari, sarà necessario offrire un servizio competente e professionale.

        foto di Andrea Piacquadio da Pexels

        E’ indispensabile tenersi costantemente aggiornati in materia per dimostrare di avere le conoscenze utili a consigliare e guidare il cliente nell’acquisto consapevole.

        Bisogna anche offrire una vasta gamma di prodotti per rispondere alle reali esigenze dei consumatori che si rivolgono al negoziante.

        Il punto vendita, inizialmente, dovrebbe essere di almeno 100 mq, comprensivo di tutti i locali previsti per questo tipo di attività.

        Per la normale gestione potrebbe bastare una persona ma è preferibile essere in due nei momenti di maggiore affluenza.

        Risulta indispensabile l’utilizzo di un gestionale ad hoc per i punti vendita specializzati in prodotti senza glutine.

        foto di Kaleidico da Unsplash

        È importante saper proporre correttamente l’attività, sui social network, attraverso un sito web e tante altre attività di marketing.

        GDI Celiac è il software gestionale che serve al tuo negozio, le principali caratteristiche sono:

        • aggiornamento Banca Dati “prodotti erogabili” in tempo reale
        • ciclo completamente integrato con i sistemi regionali
        • stampa scontrino prodotti erogabili a carico SSN a norma di legge

        Se ti serve un consulto professionale per il software gestionale contattaci senza impegno.

        Se ti serve un consulto professionale per il sito web e le attività social e di marketing contatta Andrea Lombardini senza impegno.


          Tessera sanitaria

          GOpenCare buoni dematerializzati celiachia Regione Piemonte

          Regione Piemonte: Il sistema regionale GOpenCare, per la gestione dei buoni dematerializzati celiachia da luglio 2018

          Dal 1° luglio 2018, la Regione Piemonte ha attivato la nuova procedura di dematerializzazione dei buoni per l’acquisto di alimenti senza glutine.

          La nuova modalità è valida solo per i residenti sul territorio della Regione Piemonte e l’acquisto di prodotti senza glutine può essere fatto in tutti gli esercizi autorizzati alla distribuzione di alimenti per celiachia.

          Il celiaco, per effettuare gli acquisti, nei limiti degli importi mensilmente spendibili, deve essere dotato di tessera sanitaria e di relativo PIN.

          I punti vendita specializzati nella vendita di prodotti senza glutine autorizzati, presenti in questa regione, sono tenuti ad adeguarsi a questo nuovo processo.

          foto di Obsahovka da Pixabay

          GOpenCare è il sistema utilizzato dalla Regione Piemonte per la gestione del buoni celiachia dematerializzati.

          Ergo-Web, dal 2015, con il software GDI Celiac, permette la completa gestione dei negozi specializzati in celiachia.

          Il gestionale GDI Celiac è perfettamente integrato con il sistema GOpenCare, consentendo un corretto processo di gestione e rendicontazione di tutti i processi di cassa.

          Al termine delle operazioni viene emesso regolare scontrino fiscale, in ottemperanza alle specifiche disposizioni del Ministero delle Finanze per la vendita di prodotti convenzionati con il SSN. E’ inoltre possibile visualizzare la disponibilità residua.

          Il tuo punto vendita è correttamente integrato con il sistema GoOpenCare?

          Il tuo registratore di cassa è in grado di ottemperare a tutte le specifiche necessarie?


          Se ti interessa un consulto professionale, contattaci senza impegno.

            Software GDI

            Lepida dematerializzazione buoni celiachia in Emilia Romagna

            Lepida, la dematerializzazione dei buoni celiachia in Emilia Romagna, Archivio Regionale Gestione elettronica Buoni

            La Regione Emilia Romagna nel luglio 2019 ha attivato il progetto di dematerializzazione del Buono cartaceo per la celiachia.

            I punti vendita specializzati nella vendita di prodotti senza glutine convenzionati, presenti in questa regione, sono tenuti ad adeguarsi a questo nuovo processo.

            foto di athree23 da Pixabay

            Il buono cartaceo viene completamente sostituito dalla tessera sanitaria e da un codice celiachia che permette di acquistare i prodotti alimentari specifici per celiaci.

            Di conseguenza, i buoni celiachia sono sulla tessera sanitaria collegata al Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) del paziente celiaco.

            Lepida ha realizzato la piattaforma ARGeB (Archivio Regionale Gestione elettronica Buoni), che integra i diversi sistemi di cassa degli esercenti e consente il colloquio informatico tra le diverse realtà coinvolte.

            foto di energepic.com da Pexels

            Grazie alla completa integrazione tra la piattaforma ARGeB e il gestionale GDI Celiac, i punti vendita in Emilia Romagna possono gestire velocemente e correttamente tutti i processi di vendita.

            Il software GDI Celiac interagisce con la piattaforma regionale gestendo il flusso di rendicontazione tra il negozio e l’azienda sanitaria, consentendo il monitoraggio puntuale dei dati di spesa.

            Il tuo punto vendita è dotato di un gestionale specifico per il negozio di celiachia convenzionato?


            Sei interessato ad un consulto professionale?

              Foto di Boskampi da Pixabay

              Regione Lazio passata ai buoni celiachia dematerializzati

              A novembre 2020 anche la Regione Lazio è passata ai buoni celiachia dematerializzati utilizzando il sistema Celiachia@RL

              Il 1° novembre 2020 la Regione Lazio è passata dai buoni in forma cartacea alla dematerializzazione.

              La nuova modalità dematerializzata richiede un codice celiachia (PIN numerico) che la ASL rilascia all’assistito, e la Tessera Sanitaria (TS-CNS).

              In pratica, i buoni celiachia sono sulla Tessera Sanitaria del cittadino avente diritto.

              Tessera sanitaria

              Il punto vendita della Regione Lazio, che decide di convenzionarsi con l’ASL competente per l’erogazione dei prodotti senza glutine, deve dotarsi di un gestionale compatibile con celiachia@RL Lazio.

              Tutto il processo digitale deve seguire dei rigidi protocolli per poter mandare a buon fine la transazione; eventuali errori possono compromettere i rimborsi da parte delle ASL.

              Il gestionale GDI Celiac, grazie alla competenza di Ergo-Web, è in grado di rispettare tutte le procedure necessarie al completamento delle transazioni.

              Cosa deve fare il punto vendita:

              • Richiedere al cliente se intende usufruire del proprio budget per il pagamento dei prodotti per celiaci.
              • Richiedere la tessera TS-CNS in corso di validità.
              • Inserire nell’apposito dispositivo presente alla cassa la tessera TS-CNS.
              • Far digitare al cliente il codice celiachia (PIN).
              • Rilasciare lo scontrino.

              I punti vendita specializzati in prodotti senza glutine che utilizzano GDI Celiac rilasciano lo scontrino alla consegna dei prodotti dietetici per celiaci, con indicazione di “CORRISPETTIVO NON RISCOSSO” per la parte di prezzo pagata con la tessera sanitaria.

              foto di Obsahovka da Pixabay

              Cosa è cambiato:

              • La fase di erogazione è interamente dematerializzata e più veloce.
              • La spesa mensile può essere frazionata a seconda delle necessità del cliente.
              • É sempre disponibile l’informazione del credito residuo.

              Con GDI Celiac i buoni celiachia della Regione Lazio vengono gestiti correttamente dal processo di cassa.

              Inoltre è possibile visualizzare in tempo reale il credito residuo dei buoni celiachia erogati dalla Regione Lazio.


              Il gestionale del tuo punto vendita ti da dei problemi e necessiti di una consulenza professionale?

              Contattaci senza impegno.

                foto di Gerd Altmann da Pixabay

                GDI Celiac: Soluzioni gestionali negozi per celiaci

                GDI Celiac: è il software in costante evoluzione per offrire le migliori soluzioni gestionali ai negozi per celiaci

                Ergo-Web dal 2001 è una software house attiva sul territorio nazionale; dopo alcuni anni ha intrapreso un percorso di specializzazione.

                Nel 2015 viene creato il software GDI Celiac, che diventa a breve il prodotto di prestigio.

                La collaborazione di Ergo-Web con A.I.N.C.,Regione Lombardia e LISPA ha dato il via nel 2016 al progetto Celiachia@RL.

                La piattaforma lombarda è il sistema regionale di gestione di buoni dematerializzati che per primo è entrato in funzione.

                Il processo di erogazione è interamente dematerializzato supportato dalla validazione/certificazione delle erogazioni, riconciliando le transazioni con l’apposito scontrino fiscale.

                Grazie al costante impegno, è stato possibile interfacciare il nostro gestionale GDI Celiac con i diversi sistemi regionali attualmente presenti.

                foto di Colossus Cloud da Pixabay

                La nostra professionalità ci porta a tenere in continuo aggiornamento il software per ottemperare alle continue sfide di nuove funzionalità.

                Per operare al meglio, un buon gestionale deve poter assolvere a tutti gli adempimenti burocratici e fiscali.

                Il nostro bisogno è quello di poter offrire un software che soddisfi le esigenze dei nostri clienti.

                Se hai dei suggerimenti per migliorare il nostro prodotto, contattaci e facci conoscere la tua idea.

                Siamo pronti ad ascoltarti e il tuo consiglio potrebbe diventare una funzionalità gratuita disponibile anche per gli altri punti vendita.


                Contattaci senza impegno.

                  Eventi in programma